PAWAH FORUM

Reply

Buffon: «Combine? Meglio due feriti di un morto»

« Older   Newer »
view post Posted on 26/5/2012, 08:16 Quote
Avatar

ASSIROBBABBBILONESE

Group:
Administrator
Posts:
13,676
Location:
Roma

Status:


IL CAPITANO DELLA NAZIONALE: «NON HO PAURA CHE CI PORTINO VIA CONTE»
Buffon: «Combine?
Meglio due feriti di un morto»
«È chiaro che le partite sono fatte per essere vinte, però ogni tanto si fanno i conti»

FIRENZE - «Chi conosce il calcio e lo vive giorno dopo giorno sa cosa succede. In alcuni casi si dice meglio due feriti che un morto».
Gianluigi Buffon non ha ancora varcato il cancello di Coverciano e già fa discutere. È il capitano, il leader, l'anima della nazionale. Ed è sincero, diretto, schietto. A volte anche troppo. Come stavolta, in un'intervista a Sky. L'argomento in questione sono le scommesse. E tutto parte dal coinvolgimento del suo allenatore, Antonio Conte. Gigi sta dalla sua parte: «Non ho paura che ce lo portino via perché lo conosco, conosco il calcio e perché ho sentito che molti giocatori del Siena hanno dato una versione completamente diversa da quelle accusatorie». Il quarto punto è quello scottante, che aprirà il dibattito e costerà critiche feroci al portiere. Perché meglio due feriti che un morto, vuol dire che quando il pareggio va bene ad entrambe può essere la soluzione. «Sono affari loro. È chiaro che le partite sono fatte per essere vinte e sarà sempre così. Però, ogni tanto, se qualcuno fa qualche conto è giustificato».

Parole forti. Come quelle dopo il gol-non gol di Muntari. «Se mi fossi accorto che il pallone aveva superato la linea bianca non lo avrei detto all'arbitro», la frase che aprì il dibattito e accese la polemica. Ora, almeno su quell'argomento, l'animo è lieve: «Non ho visto se il pallone aveva superato la linea. E se l'avessi visto lo avrei detto».
Buffon è in forma, rilassato con lo scudetto sul petto. A proposito che numero? «Sul campo è accaduta una cosa, in altre sedi un'altra. Se mi chiedessero quanti ne ho vinti, risponderei cinque anche se me ne hanno assegnati tre». C'è anche spazio per rimpiangere Del Piero e parlare di mercato: «Van Persie mi ha stupito perché non pensavo diventasse un finalizzatore così importante. È riuscito a cambiare ruolo e diventare decisivo, ma non saprei che collocazione potrebbe trovare nella Juve». Dove, invece, accoglierebbe a braccia aperte Balotelli: «Mario lo vedrei bene in tutte le squadre più forti del mondo perché ha dimostrato di poter essere decisivo. Se venisse da noi diventerebbe l'idolo dei tifosi».


Insomma Buffon è pronto a calarsi nella parte del paladino dell'Italia light di Cesare Prandelli. Un gruppo in cui la parola d'ordine è entusiasmo. Non importa essere alti, ricchi e famosi per avere chances di vincere l'Europeo. E non è fondamentale neppure l'esperienza perché, come dice Giovinco, «prima o poi da qualche parte l'esperienza bisogna cominciare a farsela». Non è una nazionale di giganti, soprattutto in attacco, considerando che Di Natale arriva ad un metro e 70 e Cassano è appena cinque centimetri di più. Giovinco, il più piccolo della compagnia con i suoi 164 centimetri, è anche il più lesto a lanciare la sfida attraverso uno slogan: «Il Barcellona ha dimostrato che si può diventare grandi anche senza un grande fisico».
È lo spirito giusto, quello che vuole vedere Prandelli. E nell'Italia in cui risparmiare è diventato un imperativo, anche il c.t., involontariamente, si è adeguato. Betfair.it, sito italiano di scommesse, ha confrontato gli stipendi dei 32 preconvocati con quelli dei giocatori chiamati due anni fa da Lippi al Mondiale sudafricano. La media degli attuali azzurri è più bassa di quasi 500 mila euro. Una nazionale in linea con i tempi. Risparmiosa e ambiziosa.


Buffon, capitano e leader riconosciuto, fissa l'obiettivo: «Almeno la semifinale. Anche se il girone di qualificazione è storicamente il nostro tallone d'Achille e stavolta sarà ancora più duro perché troviamo subito la Spagna». Da oggi lo ricorderà a tutti, ai più esperti e ai tanti giovani che animano il gruppo e che vogliono entrare nell'elenco dei 23. Giovinco su quell'aereo ci andrà di sicuro e magari a Buffon racconterà della sua voglia di Juve: «Non ha senso essere merce di scambio. O torno a Torino o resto a Parma. Io mi sento pronto per un grande club...».


 
PM Email Web  Top
view post Posted on 26/5/2012, 09:48 Quote
Avatar

Advanced Member

Group:
Member
Posts:
2,427
Location:
Roma

Status:


Troppe cazzate ha detto nella sua carriera, questa manco me pare la peggiore
 
PM  Top
view post Posted on 26/5/2012, 10:22 Quote
Avatar

Senior Member

Group:
Administrator
Posts:
26,925
Location:
Roma.

Status:


Boia chi molla! (cit.)


Dieci anni d'indebite euforie. Adesso che l'"année terrible" è lontano tutte le celebrazioni sono possibili. Ma l'amore o l'odio che lo circonda sono (ai nostri occhi) sospetti. 1968: il tramonto tragico di tutte le rivoluzioni impossibili ha sciolto l'ultimo abbraccio dei rivoluzionari/amanti, un'epoca si è chiusa per sempre. Ma perché, allora, tutti si ostinano ad affermare il contrario?
Guardati dal mese vicino all'aprile, dicono i contadini del meridione d'Italia che hanno imparato a temere i rovesci improvvisi di marzo. Guardati, compagno, dal mese di maggio, noi non siamo più gli eredi di nessuno, bisogna ricominciare tutto da capo!

[Pawah-forum]





 
PM Email Web Contacts  Top
view post Posted on 26/5/2012, 10:37 Quote
Avatar

Resistenza

Group:
Administrator
Posts:
7,870
Location:
"l'araba Fenice, che vi sia ciascun lo dice, dove sia nessun lo sa" (Metastasio,"Demetrio", Atto II)

Status:


Mah, secondo me, non spara manco cazzate.. C'ha solo la faccia tosta di dire quello che tutti sanno ma che nessuno dice.. Da che mondo è mondo, se me basta il pareggio, pareggio..

E non solo in Italia, si può ricordare lo scudetto fresco fresco del Manchester City (sotto 1-2 col QPR in lotta per la salvezza; appena il QPR è matematicamente salvo, il City vince 3-2 con 2 gol in 2 minuti, di cui l'ultimo al quarto di tre minuti di recupero -.-''''''''' ); o i passaggi dei turni nell'ultima Champions League di Marsiglia e Olympique Lione, quanto mai sospetti (cinque gol di scarto servivano alla prima, sette alla seconda e le loro partite sono finite tipo 6-1 e 7-0 -.-'''''''''''''''' )..

Buffon ha solo la sfrontatezza di dirlo di fronte alle telecamere.. Non che sia una cosa premiare, sia chiaro.. Ma non è lui l'unico a pensare o ad agire così, è tutto il movimento-calcio nel mondo..

la fenice more e poi rinasce,
quando al cinquecentesimo appressa
erba né biada in sua vita non pasce,
ma sol d'incenso lacrima e d'amomo,
e nardo e mirra son l'ultime fasce.

(Dante, Divina Commedia, Inferno XXIV, 107-111)

 
PM Email  Top
view post Posted on 26/5/2012, 10:37 Quote
Avatar

ASSIROBBABBBILONESE

Group:
Administrator
Posts:
13,676
Location:
Roma

Status:


Le spiegazioni che dava per le magliette fasce erano fichissime -,-'''''
"Boia chi molla l'ho letta su un banco di scuola"

 
PM Email Web  Top
view post Posted on 26/5/2012, 10:41 Quote
Avatar

Resistenza

Group:
Administrator
Posts:
7,870
Location:
"l'araba Fenice, che vi sia ciascun lo dice, dove sia nessun lo sa" (Metastasio,"Demetrio", Atto II)

Status:


Vabbè.. Stamo sempre a parlà di gente che c'ha la terza media e che il diploma gliel'ha comprato la società -.-"

la fenice more e poi rinasce,
quando al cinquecentesimo appressa
erba né biada in sua vita non pasce,
ma sol d'incenso lacrima e d'amomo,
e nardo e mirra son l'ultime fasce.

(Dante, Divina Commedia, Inferno XXIV, 107-111)

 
PM Email  Top
view post Posted on 26/5/2012, 10:45 Quote
Avatar

Advanced Member

Group:
Member
Posts:
2,427
Location:
Roma

Status:


Disse pure "Questa è l'Italia di Piazzale Loreto"

ed io risponderei SEMPRE!!!!!!


loreto7
 
PM  Top
view post Posted on 26/5/2012, 10:53 Quote
Avatar

ASSIROBBABBBILONESE

Group:
Administrator
Posts:
13,676
Location:
Roma

Status:


Calcola pare uno dei personaggi de Carletto il principe dei mostri

 
PM Email Web  Top
7 replies since 26/5/2012, 08:16
 
Reply